Ciao,

    Vi scrivo per raccontarvi una storia alquanto singolare che mi è successa! Era una sera d'inverno di 2 anni fa... doveva essere all'incirca il mese di ottobre! Come tutte le sere andai a letto, ma stranamente non riuscii a prendere sonno! Mi addormentai dopo tanti tormenti soltanto molto tardi... erano circa le 3 di notte! Il mio sonno fu tormentato da un incubo nel quale ero circondato da fiamme e davanti a me c'era una figura strana che cambiava sembianze continuamente e che mi picchiava sul viso... da lontano, senza avvicinarsi....

L'incubo durò fino a quando io non riuscii a sconfiggere questa figura recitando continue preghiere e vedendolo scomparire insieme alle fiamme nel pavimento!!! Ovviamente questo era SOLO un SOGNO! Ma quando mi svegliai era passata solo un ora... era ancora buio e sentii una risata in lontanza... Alla risata seguì una voce che disse: "La beffà più grande che ho fatto all'umanità è farle credere che io non esisto...." e di nuovo una risata......

Scattai dal letto e accesi la luce: avevo la bocca piena di sangue e innumerevoli taglietti all'interno, sul palato e qualcuno sulle braccia...

Ora io non so se è stata suggestione, ma i tagli erano REALI!

A presto!

Marco

Ciao, mi chiamo Stefania e ho 18 anni, m'interesso di esoterismo e pratico anche magia bianca, come una piccola STREGA! Quando avevo circa 7 o 8 anni ho avuto un'esperienza che mi ha segnato particolarmente e che ancora oggi ricordo con gioia. 12 giorni dopo la mia nascita mio nonno morì, quindi non ho mai avuto la passibilità di conoscerlo (neanche in fotografia); voi vi chiederete, e allora??? Bhe, il mio letto si trovava davanti alla porta della mia stanza e questa fa angolo con la porta del bagno dal quale durante la notte entra un po' di luce. Proprio da quella porta iniziai a vedere un uomo che camminava con il bastone verso di me, tutte le sere; ora cercate d'immaginare una bambina di quell'età, oltre tutto già terrorizzata dal buio! Ogni sera per molti mesi sono andata avanti con la difficoltà di prendere sonno per paura che quella persona, spirito o comunque fantasma potesse farmi del male. Quando lo raccontavo alla gente loro mi dicevano "è impossibile è stato solo un brutto sogno!", ma allora perché continuavo a vederlo quando ero sveglia? Una sera decisi di affrontare il mio "sogno" e pensai che se lo era mi sarei svegliata e che quindi non correvo alcun pericolo. Quando lo spirito svolto l'angolo e cominciò a camminare verso di me io cercai di non voltarmi, come invece facevo tutte le sere, rimasi nel letto, pietrificata; quando l'uomo si fermò a fianco al mio letto mi guardò, furono pochi attimi nel quale la paura si trasformò in tranquillità, poi mi sorrise, si sedette sul bordo del letto e in fine si stese su di me. Bastò poco per fare riaffiorare la paura, così accessi la luce (chissà perché mi ero convinta che gli spiriti avessero paura della luce), guardai sotto le coperte; non volevo più dormire li, ero spaventatissima. La mattina dopo mia madre, guardando nel mobile per mettere ordine, trovò un album di foto; sfogliandolo vidi la foto dell'uomo che per tante notti era venuta da me. Andai da mia madre e mio padre e chiesi chi era e loro mi risposero:"questo è nonno Francesco!" Quella risposta mi fece sentire molto amata, perché se mio nonno dopo anni era venuto a vedere sua nipote, o meglio a farsi vedere da me, dovevo per forza esserlo! Comunque questa non è stata l'unica volta che mi è capitato di vedere una presenza, l'ultima risale a circa un paio di mesi fa! A presto Stefy'83

 

Una notte di luna piena,mi aggiravo come di consueto nel piccolo cimitero sconsacrato non distante dalla mia abitazione estiva x raccogliere ortiche.in un momento venni travolta da una terribile fitta alla testa,pian piano mi sentii come mancare,chiusi gli occhi,udii il pianto di una bambina in lontananza,dopo poco quella vocina cosi triste e dolce era li accanto a me.ero cosciente del fatto ke non ero sola,ma non riuscivo ad aprire le palpebre,le sentivo così pesanti!la tremula vocetta si rivolse a me,mi kiese se potevo accompagnarla in cima al monte a cercare la sua mamma...cercai di aprire la bocca e proprio in quell'istante tornai in me ,mi "svegliai"di soprassalto e impaurita presi la mia gerla x le ortiche e scappai a casa.entrai nel mio letto,ero molto confusa e stravolta.poco dopo aver preso sonno quando tutto sembrava solo uno strano ricordo mi sentii abbracciare...e di nuovo quelle parole!fatto sta  ke la mattina seguente,praticamente costretta (anke da quella perenne sensazione di avere qualcuno abbracciato intorno alla mia vita e al mio collo)mi incamminai verso la ardua meta.dopo 2 estenuanti ore di cammino in verticale raggiunsi la cima del monte della croce(nome del monte),appoggiandomi finalmente ad una roccia sottostante la grossa croce in ottone,potei sentire il morboso abbraccio dileguarsi.rimasi un pò a contemplare il paesaggio e il terribile crepaccio di fronte a me.venni presto raggiunta da un gruppo di escursionisti con una guida,non riuscì a non ascoltare le parole della guida:"....ed ecco finalmente il famoso crepaccio dove giustiziarono 24streghe il 4 marzo del 1517..."mille pensieri e collegamenti feci nel mio rientro verso casa,ma la cosa ke + mi lasciò stupefatta fu mia madre,quando al mio ritorno,giunta a casa mi diede una rosa selvatica lasciatagli come ringraziamento x me da una graziosa e strana bambina dai ricci e arruffati capelli rossi.........

Flavia

 

Ciao siamo due ragazze di Roma clodino e sarino vi raccontiamo la storia di nostra nonna.

(provincia di Roma),nel periodo di guerra in un punto del paese sorgeva un' ospedale di prigionieri  che ora è diventata casa di nostra nonna.Negli anni 80 quando nostra zia era in cinta durante la notte si sentivano nella camera da letto alcuni passi,strusciate di catene e grida di dolore e disperazione(avete presente i gatti in calore quando miagolano?beh una cosa del genere);i gridi si facevano sempre più lamentosi.
Nostra zia intanto era arrivata al nono mese di gravidanza,venne portata all'ospedale e nacque nostra cugina.Una notte di gennaio 1981 zia sentiva piangere la bambina nella stanza accanto alla sua,si alzò,la porta della bambina era chiusa, tentò di aprirla ma non ci riusciva, in quell'istante ricominciarono i strani rumori e le grida si erano unite al pianto della bambina.Zia piangeva ma non riusciva ad urlare(nostro zio era fuori per lavoro e sarebbe rientrato il giorno successivo).........il gesto estremo di nostra zia è stato quello di mettersi a pregare...finalmente dopo circa mezz'ora,cessarono i rumori, la porta si apri lentamente,zia entrò vide la bambina che continuava a piangere ,solo dopo qualche minuto  si accorse dei segni che la bambina portava sulle caviglie come se fossero state strette da delle catene.

da quel giorno non si ebbero più di questi fenomeni,ma nel paese furono altri i fenomeni sopranaturali avvenuti nella notte a volte qualcuno dice di sentire questi struscii di catene(i prigionieri che vagano lamentosi nei vicoli deserti)..........

........in ogni grido di ogni uomo

        in ogni grido di ogni bambino

        in ogni voce,in ogni bando

        io sento il rumore delle catene

        vincoli forgiati dalla mente umana..........

        e nella maggior parte delle strade a mezzanotte

        ascolto il fruscio delle catene

        che distrugge la lacrima del neonato........

                                                       W.Blake

Quando ero alle medie siamo andati in gita in Sardegna....ci siamo fermati in un albergo molto antico e ci hanno messo in sette dentro una stanza..dopo aver chiacchierato un po abbiamo deciso di spegnere e dormire...mentre facevo le mie preghiere ho visto nella stanza una figura che si muoveva a rallentatore...sembrava un direttore che dirigeva un orchestra...poi la figura si avvicina e si siede nel mio letto....io allora dico alle mie compagne di accendere la luce perché mi era sembrato di vedere qualcosa e mi hanno risposto che avevano visto un direttore d'orchestra che si sedeva nel mio letto prima ancora che io dicessi cosa avevo visto.......non vi dico che spavento! Ci siamo messe ad urlare e tutti i prof sono accorsi in camera nostra......secondo voi a quale tipo di fenomeno siamo state testimoni???

Ciao sono Beatrice e ho 11 anni. Ho alcune storie da raccontarvi.

Questa è accaduta a mia zia Elvira in Sicilia; una notte si è sognata un soldato, la sua nave era affondata e nessuno portava mai fiori alla sua tomba. Successivamente ha fatto delle ricerche: una nave era davvero affondata in quel periodo e corrispondeva tutto al sogno! Al cimitero, la tomba era accanto a quella dei parenti, e mia zia ora porge sempre un fiore al soldato.

*

Un’altra storia è accaduta ai poliziotti colleghi di mia madre: erano in tre sulla volante. Li chiamano di notte delle persone perché in una villa vicina fanno confusione. Vanno e due si recano alla villa, l’altro aspetta. Provano entrambi un senso di beata tranquillità e pace; trovano un uomo e una donna con molti bambini. Essi spiegano che sono maestri e fanno una festa di fine anno.

Inebetiti, tornano all’auto e raccontano l’accaduto. –Festa di fine anno?! A luglio, in piena notte?! Avete preso i nominativi?- -Cosa? Ah, aspetta che torniamo a prenderli…-

Tornano (nel giro di pochi minuti) e trovano una villa abbandonata! Luci spente, niente festoni, tutto deserto!

Ciao...Mi chiamo Francesca ed ho 17 anni...L'anno scorso mi è capitata una cosa veramente strana....
Ero in vacanza in francia con i miei genitori e con un mio amico e non riuscivamo a trovare uno chambredot.....I telefonini erano disabilitati ed erano le 22.30..
Tutto d'un tratto  i cellulari cominciano a funzionare e riusciamo a trovare uno chambredot alla periferia di Lion....Entriamo in questa casa e sento il pavimento vibrare....Nessuno mi credeva apparte mia madre che ha sentito la stessa cosa...Proseguendo per la casa noto tanti piccoli ma importanti particolari:Faccio presente che ad agosto quest'uomo aveva il presepe in camera e teneva sul comodino un gufo imbalsamato.....
Quest'uomo,peraltro stranissimo,ci assegna le camere e ci porta in sala da pranzo per mangiare....Ci porta un vassoio di formaggi e torna in cucina,vicino alla sala da pranzo.Io e il mio amico andiamo in cucina per chiedere un coltello ma l'uomo era sparito....Il problema e che la cucina non aveva porte e l'unica finestra che c'era era troppo alta da raggiungere...
Quando siamo tornati in camera,mia madre voleva fumarsi una sigaretta che aveva messo nella borsa ma le sigarette non c'erano più....Io ho un gatto bianco e in camera c'era proprio un orologio fatto a gatto bianco fermo alle 23...Sembra una coincidenza ma alle 23 mia nonna ha chiamato dicendo che il gatto si sentiva male....In più sono scomparsi dei signori che avevano preso la stanza di fronte alla nostra e si son dati per dispersi...
La mattina,andati via,mi ha chiamato la nonna dicendo che il gatto stava bene e mia mamma ha ritrovato le sigarette proprio dove le aveva messe....

Questa  storia è successa tra ragazzi  la racconto solo   per non essere solo nelle vicende.Qualche giorno fà eravamo a casa di un amico è non avendo niente da fare abbiamo provato ha fare una seduta spriritica completa di santine e rosario facendo un cerchio con lettere è numeri  e come navigatore un bicchere  vi giuro CHE IL BICCHERE SI è MOSSO SENZA CHE NESSUNO LO MUOVESSE è CI HA RISPOSTO ALLE DOMANDE CHE GLI FACEVAMO NON è non riesco ha dormire da quel giorno.

Claudio 04/01/2003

un giorno ero in auto con mio padre sull'autostrada ed ho visto una macchina rossa ferma in mezzo alla strada con la portiera del passeggero aperta.
successivamente ho visto anche una ragazza stesa per terra con del sangue alla testa che mi assomigliava tantissimo. Gli ho urlato di fermarsi perchè
lui non se ne era accorto,ma poi stupito mi ha chiesto qual era il problema. subito dopo la macchina non c'era più. la sera ho sentito il mio ragazzo e
l'ho trovato molto spaventato. dopo un pò l'ho convinto a parlare e mi ha detto di aver sognato tutto quello che io avevo visto, compresi i dettagli,
ma io non gli avevo ancora raccontato nulla!!in più lui mi ha detto che si era visto nel sogno che piangeva inginocchiato accanto ad una macchina rossa
dalla parte del passeggero! poi gli ho raccontato ciò che avevo visto io e dal quel momento facciamo sempre moltissima attenzione alle auto rosse...

12/07/2003

Oggi io e la mia migliore amica C. siamo andate al cimitero x andare a trovare mia nonna; entriamo e c'era un piccolo e fresco venticello.

Si respirava un'aria strana, pesante, era diversa da quella normale!
andammo alla tomba di mia nonna, io la salutai, le sorrisi poi ce ne andammo.
"andiamo a trovare franco?" mi dice C. e io ho annuito.
Per andare là siamo passate davanti ad un funerale, stavano sotterrando la bara di un signore.

Poi siamo passate davanti alla tomba della signora Maria, ke sarebbe una ke è morta nell'800, ma ke è l'unica ad avere la tomba sempre pulita,

si dice ke di notte sta qua si svegli e se la pulisca da sola.....
la salutiamo, come sempre, e andiamo da Franco, ke era un nostro amico, morto in un incidente nel 2000.
usciamo dal cimitero e andiamo a sederci al nostro solito posto, e cioè nel boschetto li di fianco.
stavamo parlando del piu e del meno, quando vediamo uscire dal cimitero una strana signora, magra, abbastanza giovane, con i capelli corti, i pantaloni a sigaretta (stretti in fondo) bianchi, un maglioncino rosso e bianco e sopra una felpa beige. le scarpe marroni. faceva un freddo da cani e sta qui era senza giacca!!
continua a camminare x la strada e noi la guardiamo zitte.
ad un certo punto (oddio ho una pauraaaa) si ferma, guarda a terra poi ci guarda e ci urla: "si raccolgono le carte eh" con una voce strana. io e C. siamo impallidite.

Lei ha ripreso a camminare....
Aveva gli auricolari alle orecchie.... io ho sentito una cosa dentro, come una voglia di andare da lei a dirle qualcosa!!
e....ci credete ke non sembrava ke camminasse x terra?? e poi nessuna delle due era riuscita a vedere i lineamenti del viso, era come tutto sfocato!!
vi giuro ke è vero credetemi!!
io e C. ci alziamo di scatto, andiamo dove si era fermata lei e a terra c'era solo una foglia!!
guardiamo in fondo alla strada, ke era abbastanza lunga, e la signora....scomparsa!! non c'era più!! io e lei abbiamo avuto una paura....
Se ripenso alla sua voce, al suo strano modo di camminare....brr mi vengono i brividi.
Siamo andate a prendere la coca-cola in un negozio....a tutt'e due la coca faceva cagare, a me mi bruciavano di bestia le labbra, e la coca di C. sapeva di limone!!
abbiamo pensato "magari è detersivo o una cosa del genere" ma non c'era nessun buco nella lattina e non stavamo amle.
cosi abbiamo ripensato alla signora....bha!
poi continuiamo a camminare, c'eravamo dimenticate quasi dell'accaduto, quando troviamo a terra un foglietto scritto a mano... lo raccogliamo:
si faceva fatica a leggere, la scrittura era di una xsona ke aveva appena imparato a scrivere, penso.
le parole sono dolci, parlano d'amore....non si capisce tutto, ma c'e qualcosa di strano anke qui.
era stato scritto a qualcuno, forse era una lettera, o meglio un pezzo di lettera perchè era strappato....
io e lei siamo andate a casa, e non abbiamo buttato a terra nemmeno la carta dei pochet-coffee!!
io ho paura, ma chi era quella signora??

 

LORENA 17/12/2003

 

Back torna all'Home Page