Nostradamus, falso profeta degli attentati

Con un tam tam di mail in tutto il mondo, è circolata una falsa quartina attribuita a Nostradamus, che profetizzava l'attacco contro le Torri Gemelle. Datata 1651. Ma l'indovino morì nel 1566.

 “Nella città divina ci sarà una grande esplosione, e i due fratelli saranno distrutti dal caos. Finché la grande fortezza e il re sovrano non soccomberanno. La terza guerra inizierà quando la grande città brucerà”. Questa minacciosa quartina, che da giorni circola ad incredibile velocità nelle caselle di posta elettronica di mezzo mondo, è considerata prodotto delle visionarie profezie del francese Nostradamus. "Le terribili scene dell'attentato dell'11 settembre contro le Torri Gemelle, erano state dunque profetizzate centinaia di anni fa!" rivelano mail terrorizzate in inglese, francese, spagnolo e italiano.
La data di composizione, secondo i più fervidi credenti, oscillerebbe fra il 1651 e il 1654. Peccato che Michel de Notre Dame sia passato a miglior vita nel 1566: la quartina è la dimostrazione di quanto sia forte il bisogno di diabolici e sovrannaturali nemici, di fronte ad un mostro reale come il terrorismo. Ma dimostra anche un piccolo fallimento della Rete: la diffusione mondiale di falsi (magari d’autore). 
Pare che uno studente francese abbia messo on line la quartina (inventata da lui, impastando insieme diversi frasi attribuite a Nostradamus) addirittura nel 1990. Lo fece un po’ per gioco, un po’ per sfida: voleva dimostrare che chiunque poteva essere considerato un profeta. Bastava l’occasione giusta e le sue parole sarebbero state rilette da migliaia di persone, tremanti, con gli occhi sgranati....Ed ecco la dimostrazione che quel ragazzo aveva ragione.

torna all'home page

 

Vota per questo sito: clicca qui!